3° Festival Internazionale di Scacchi "Capo d'Orso"

Residence Porto Mannu - Palau (Ol)

 

L'orrendo complotto

Avvertenza: visti i suoi crudi contenuti , il reportage che segue è destinato alla visione esclusivamente da parte degli scacco-turisti. Prego astenersi Organizzatori, Arbitri e Scacchisti puri in genere.

Immagino già i dubbi che serpeggiano in te, o lettore: "Sono o non sono uno scacco-turista?" Per dissipare ogni perplessità ti allego la corretta etimologia della parola inclusa nel noto Dizionario Agnostico-Oli (lo Zingarelli stranamente non ne fa cenno, buuuh!) :

scaccoturista: /skakko'turista/ comp. di scacco e -turista s.m. (pl.-i) § Dicesi di persona appassionata del gioco degli scacchi (v.) che messa davanti al dilemma giocare la partita o compiere escursione turistica incompatibile per orari sceglie (dopo aver tentato di tutto e di più per ottenere orari compatibili) la seconda soluzione.

Il racconto parte da lontano: erano gli ultimi giorni del mese di marzo quando ricevo un accorato appello dall'amico Sergio Garofalo. Anche quest'anno come nei 2 precedenti ha intenzione di partecipare al Torneo di Portomannu. Purtroppo avendo ricevuto in ritardo l'ok per ferie ha avuto la sgradita sorpresa di trovare chiuse le iscrizioni al torneo per raggiunto limite di partecipanti (160). Si rivolge me sperando che io possa, parlando con Garrett che conosco da anni, ottenere di inserirlo tra i partecipanti. E subito lo scacco-turista che è in me individua l'occasione con la p maiuscola: partecipare al torneo di Porto Mannu, godere di tutte le possibilità turistiche offerte, ivi inclusa una visita a Cagliari (e magari visita pastorale a Sa Portedda dove "alcuni anni fa" mi capitò di sparare col mortaio da 120mm) ad appena 200 km a sud, ed in più ottenere l'attestato di benefattore per aver ceduto il posto nel torneo ad un amico.

Tutto questo ottenuto con un semplice: "Nema problema, Sergio. Adesso mando email a mitcko Yuri e dico lui di dare mio posto in torneo a te."

Sergio si schernisce: " Ma no, così non giochi tu. Mi dispiace"

Ed io sogghignando (internamente): "Non ti preoccupare, per un amico si fa questo ed altro".

Detto e fatto invio seduta stante una mail a Garrett dimenticando un particolare elementare. La risposta di Garrett non si fa attendere e mi riporta coi piedi per terra: "Ovviamente la risposta è no! Ci sono delle liste per cui ad una rinuncia di un giocatore già iscritto subentra il primo della "waiting list"

Giusto! Che figura di m....! Accecato dalla mirabolante prospettiva scacco-turistica mi son reso colpevole di uno dei reati più diffusi nel nostro paese il clientelismo. Shame on me! Nella postilla della email comunque Garrett lascia una speranza: " Lasciami qualche giorno, a fronte delle tante richieste stiamo valutando alcune possibilità..."

Quello che in quel momento non sapevo, e che avrei imparato poi, era che la mia email a Garrett era stata intercettata dalla famigerata Organizzazione Mondiale C.C.C.G., una losca società segreta al confronto della quale la Spectre risulta essere una associazione benefica. C.C.C.G. è infatti l'acronimo di Col C.... Che Gozzi ed ha lo scopo di impedire la realizzazione di qualsiasi progetto da parte del sottoscritto. Esistono varie sezioni di questa organizzazione criminale, ad esempio la O.A.D.S (Ottiene Aumento Di Stipendio) o la V.P.C.M. (Viene Promosso Candidato Maestro). In questo caso entra in azione la sezione che vuole impedirmi di Fare Il Giro Arcipelago (che ha orari incompatibili col torneo con partenza ore 9 e ritorno previsto per le 17,30-18,00) ed ha l'acronimo.....ehm, ma torniamo alla sequenza dei fatti: passa più o meno un mese e la C.C.C.G. ottiene la vittoria nel primo round con lotto dei partecipanti esteso fino a 200 e Sergio ovviamente inserito nella lista. Cosa è successo? Lo scoprirò una volta sbarcato in terra sarda. La C.C.C.G. ha assoldato un manipolo di pastori della zona e in un paio di settimane ha fatto costruire una nuova ala della sede di gioco così da consentire ad altre 40 persone di prendere parte all'evento. A tale proposito in fondo a questo reportage allego il numero del mio conto corrente al quale i giocatori esclusi in un primo momento dall'evento potranno fare pervenire la loro ricca donazione di ringraziamento :-)

C.C.C.G. 1 Gozzi 0

Incasso il colpo con signorilità tanto so che ho il mio jolly da giocare: la rinuncia ad un turno per partecipare alla gita. Non sospetto ancora minimamente quello che la C.C.C.G. ha preparato per me...

Le gite dell'arcipelago predisposte sono addirittura due quest'anno: la ditta il Vagabondo ne prevede 1 al martedì (ma c'è il doppio turno acc.; pazienza, niente da fare) e 1 al giovedì (fari puntati su questa). Ci vogliono almeno 15 persone perchè il natante ci venga a prelevare al Residence. Mi iscrivo già, assieme a Sergio, alla gita di giovedì e già domenica sera mi informo di quante prenotazioni ci sono. L'impiegato della reception, che come capirò poi era evidentemente affiliato alla C.C.C.G., mi rassicura parlandomi di 24 iscritti per giovedì. Bene!

Il giorno dopo, lunedì, c'è un altro segnale potente dell'orrendo complotto: va di scena "l'illustrazione del programma di gite per scacchisti e non" a cura della "Itinere servizi turistici". E' mezzogiorno, mezzogiorno di fuoco e nello spiazzo antistante al bar si presenta la signora Marcella (sul polso, ovviamente nascosto, ha il noto tatuaggio che contraddistingue gli affiliati alla C.C.C.G) che ci presenta le gite previste (via terra). Pochi minuti di colloquio ("Non so i vostri orari" la frase che mi rimarrà più impressa) di fronte ad un gruppo di scacchisti e familiari e l'impressione è che da un secondo all'altro salti fuori qualcuno con un cartello in mano indicante: "Sei su Scherzi a Parte". Purtroppo non è così (almeno ci sarebbe stata Belen Rodriguez) ma è tutto vero: le gite sono tutte programmate per il pomeriggio (quando noi giochiamo!) tranne la fondamentale gita del venerdì al mercatino mattutino di Palau (e qui mi piacerebbe avere un parere dell'opinionista della trasmissione di RAI2 610 di Lillo e Greg, il Grande Capo Estikazi...) Avrei dovuto già subodorare il tranello, ma ho sempre in mente la gita di giovedì...

...per cui ancora gnorri di tutto, il martedì sera parlo a cuor leggero con quelli che sono appena rientrati dal 1° tour consapevole che: " Son contento che vi siate divertiti, dopodomani tocca a me!"

Il mercoledì arriva un campanello di allarme che non può essere ignorato: "Sergio mi ha detto che per domani siete solo in 2" con questo annuncio shock di Marco inizia il calvario dello scacco-turista disperato. Mi ci vuole un minuto per verificare la notizia (in reception avevano equivocato, 24 erano quelli di martedì...seee,seee). Parte il piano pubblicitario d'emergenza, dobbiamo essere almeno in 15 altrimenti la crociera (tale è) non parte. Volantini, avvisi in reception, approcci door-to-door...niente da fare si trovano solo o scacchisti seri o gente che la gita l'ha già fatta il martedì. Tutti i tentativi sono inutili, a sera siamo in 6 qui al Residence più altri 4 a Palau (si partirebbe da lì). Non basta e quindi gita annullata.

C.C.C.G. 2 Gozzi 0

Mi devo rassegnare...o forse no! La notte porta consiglio: il mattino presto, come tutte le mattine scendo a Palau e faccio incetta di numeri di telefono di ditte che organizzano giri dell'Arcipelago. 2 piani alternativi A e B prendono corpo più un piano C: il gommone!

Per i primi 2 piani devo attendere risposte nel pomeriggio, tutto è legato al raggiungimento di un numero minimo di persone partecipanti.

Per il piano C si è mosso anche Sergio e nell'arco della giornata è riuscito ad organizzare un giro di 3 ore con sosta a Caprera (spiaggia Tahiti). Questa gita consentirebbe anche a quelli che non vogliono perdere nessuna partita di partecipare ma io nicchio. Per me sarebbe come se avessi ordinato un Brunello di Montalcino e mi fosse stato servito un Tavernello. (Immagino già che qui qualcuno direbbe: "Tanto non ne apprezzeresti la differenza")

Nel pomeriggio va in frantumi il piano B (uscita del Vagabondo di nuovo a monte per mancanza di numero legale) ma c'è il pieno centro del piano A. Una comitiva di turisti età media 60 e accento spaventosamente simile al mio ("Ghè armes cuelcdun a Modna?") ha prenotato un'uscita da Palau e ci si può aggregare. Avviso quindi gli arbitri della mia assenza al turno successivo (nessuno piange :-) A cena Guido mi avvisa che il canotto l'è sciupà e salta anche il piano C. Sergio a questo punto può partecipare alla Gita Arcipelago con l'unico contrattempo dovuto al fatto che il turno è appena stato fatto e gli arbitri sono costretti agli straordinari (maledetta C.C.C.G.)

Tutto è bene quel che finisce bene. Il diabolico piano della famigerata C.C.C.G. è stato sventato...

Wolf batte C.C.C.G. 3-2 dopo i tempi supplementari
I Tafoni Bull-dog e Testa della Strega. Non sai cosa sono i tafoni? Vedi il report della 1a edizione
Tafone Testa di Leone

Isola di Spargi-Cala Corsara

La natura è a portata di mano: Qui una stella marina raccolta (e poi rimessa a posto) dal fondo di un mare cristallino.
Altre immagini di queste splendide isole le trovate sempre sul report della 1a edizione . Qui vediamo Sergio offrire cibo ai gabbiani rischiando una falange. Si noti l'occhio cattivo del volatile.

Avviso per i vertici della C.C.C.G. : per questa volta passi ma non provateci più. Come potete veder dal titolo, il thriller che sto leggendo è liberamente ispirato ai miei delitti seriali. Il prossimo anno cercate di consentire anche al povero scacchista di vedere le meraviglie naturali sarde!

Agli scacco-turisti ricordo l'appuntamento del Chess-Tourist Pride il 15 novembre di Piazza del Popolo a Roma. La Giornata Nazionale dell'Orgoglio Scaccoturistico sarà l'occasione per una protesta decisa verso chi osteggia la nostra categoria. Marceremo verso il Quirinale, Palazzo Chigi e all'occorrenza anche verso la bancarella di grattachecca di Tor di Nona!

Emiliano-romagnoli a Portomannu

 

3° Campionato Mondiale di Sollevamento Scacchisti

 

Zero Tituli? No, grazie! L'Italia ha un nuovo GM

 

Portomannu's backstage

 

info: wolfggozzi@hotmail.com