Turista per Scacco di Giorgio Gozzi

"Il mestiere dello scacco-turista è duro ma qualcuno deve pur farlo!"

 

"Coletti aprì il cruscotto portaoggetti e tirò fuori la sua fotocamera digitale, una Nikon 990 Coolpix. La posò sul sedile del passeggero e la controllò attentamente come un soldato controlla la sua arma prima di una battaglia. Le batterie erano cariche ed aveva 4 schede da 128 mega. Poteva fotografare la terza guerra mondiale, se ce fosse stato bisogno".

 

da"Io uccido" di Giorgio Faletti.

 

(p.s. questo incipit me l'ero preparato per i report delle Olimpiadi di Torino salvo poi scordarmi gli appunti a casa)

 

1° Festival Internazionale di Scacchi "Capo d'Orso"

Residence Porto Mannu - Palau (Ol)

 

Domenica 27 Maggio 2007   Quello che mi accingo a scrivere è probabilmente il più difficile fotoreport che abbia mai pubblicato. Nonostante il gran numero di immagini raccolte è forse impossibile esplicare tutte le sensazioni provate durante la settimana trascorsa in Sardegna. Innanzitutto un avviso: se avete intenzione di partecipare alla prossima edizione di questo torneo (e francamente ve lo consiglio), NON GUARDATE questo fotoreport. Se c'è una cosa che personalmente non sopporto è vedere immagini di luoghi che so che di lì a poco potrò vedere direttamente con i miei occhi.

Detto questo preciso che il taglio giornalistico del report priviligerà più il lato turistico che quello scacchistico e che in ogni caso verrà data la precedenza ad immagini riguardanti giocatori della nostra regione. Altre foto relative a questo torneo le potrete trovare sul sito ufficiale del torneo http://asd.caissa.it/portomannu, sul sito olandese www.chessvibes.com di Peter Doggers e sul sito www.monzascacchi.com; inoltre comparirà un report sul torneo di Porto Mannu a cura di Alessandro Jones sul noto sito www.scacchierando.net

 

 

 

Si è svolto dal 19 al 26 maggio il 1° Festival Internazionale di Scacchi "Capo d'Orso".

Sede di gioco e sistemazione alberghiera presso il Residence Hotel "Porto Mannu" in Località Capo d'Orso - Palau (Ol). Il Residence si trova nel nord della Sardegna proprio di fronte all'Arcipelago della Maddalena ed alla Corsica; dista pochi Km dalla vicina Costa Smeralda ed è costituito da 400 unità abitative, di cui 200 residenziali e 200 turistiche, che digradano verso il mare.

Il torneo ha visto la presenza di 149 giocatori tra i quali 8 Grandi Maestri e 14 Maestri Internazionali. Il contingente emiliano-romagnolo annoverava 16 elementi tra i quali spiccavano i Maestri bolognesi Andrea Cocchi e Claudio Pantaleoni.

 

 

Dall' Emilia-Romagna alla Sardegna (in rigoroso ordine alfabetico):

 

 

 

a sinistra: Maestro Internazionale tedesco Glienke contro CM Riccardo Antoniacci da Rimini

a destra: 1N Paolo Baracca da Ravenna contro la WGM Fierro Baquero

 

 

a sinistra: CM tedesco Nickel contro MF Andrea Cocchi da Bologna

a destra: 2N Denozza contro 2N Stefano Cremonini da Bologna

 

 

a sinistra: NC Fabio De Simone Sorrentino da Bologna contro 1N Milanesi

a destra: 3N Domenico Di Terlizzi da Piacenza contro IM francese Adrian

 

 

a sinistra: CM Giani contro CM Sergio Garofalo da Modena

a destra: MF olandese Schuurman contro 1N Giorgio Gozzi da Modena

 

 

a sinistra: 3N Euro Gulinelli da Ravenna contro CM Squarci

a destra: MF Valenti contro NC Luca Marani da Bologna

 

 

a sinistra: CM Pieri contro 3N Giovanni Marzano da Bologna

a destra: NC Tatiana Milu da Bologna contro CM Calabrese

 

 

a sinistra: GM Efimov contro 1N Paolo Niccoli da Bologna

a destra: CM Marco Ori da Ravenna contro 1N Simone

 

 

a sinistra: MF finlandese Kekki contro 2N Luciano Panini da Modena

a destra: M Claudio Pantaleoni da Bologna contro MF tedesco Friedrich

 

Sede di gioco e dintorni:

 

Residence Porto Mannu - Panoramiche

 

 

Residence Porto Mannu - Il villino in primo piano dista 70 passi dalla spiaggia a destra!

 

 

a sinistra: La spiaggia

a destra: Colazione in riva al mare

 

 

Residence Porto Mannu - la spiaggia vista dal Residence e vista dal mare

 

 

a sinistra: Vista dal ristorante

a destra: La sala di gioco

 

 

a sinistra: La scacchiera gigante

a destra: Caissa Team at work (da sinistra Danieli, Lupini, Garrett, Caruso e Marini)

 

 

Annotazioni varie sul torneo:

Delle opinioni sul sistema di abbinamento "svizzero accelerato" adottato nel torneo leggerete sicuramente tante opinioni autorevoli sul newsgroup it.hobby.scacchi e sul sito www.scacchierando .net. Per quanto mi riguarda, personalmente non ho problemi sul tipo di abbinamento: essere "massacrato" da un Maestro al primo turno oppure al quinto per me non fa nessuna differenza. Fondamentalmente sposo la tesi di Garrett: gli abbinamenti anomali del quinto turno sono sostanzialmente uguali a quelli che si hanno nel primo turno di un torneo a sistema svizzero tradizionale con la differenza che nel primo caso il "privilegio" di essere strapazzato :-) da un GM è ottenuto grazie alla buona performance nel torneo ottenuta nei turni precedenti, mentre nel secondo caso è un mero fattore numerico (magari legato a performance ottenute in tempi remoti).

 

Parlando con scacchisti di forza varia ho avuto le risposte più disparate, si va da chi accetta questa formula, da chi la vorrebbe con una taratura delle fascie più centrata e da chi invece quando sente parlare di svizzero accelerato ha la stessa reazione di un vampiro di fronte ad una treccia d'aglio! Non manca poi chi, papale papale, mi dice che "mi piacerebbe di più la formula tipo Bratto con un torneo A con taglio a 2000 o 2100 per evitare il rischio di giocare con scarsoni come te (sic)!"

 

Miglioramenti per il torneo mi è difficile trovarne. Forse le lezioni dei GM troverebbero un pubblico più folto nelle ore serali anziche nelle ore mattutine santificate alla spiaggia (è lo scacco turista che parla, of course) Magari si potrebbero analizzare davanti ad un birrone gelato le partite migliori da poco concluse.

 

a sinistra: La lezione del GM Rowson - I sette peccati capitali degli scacchi

 

a destra: un miglioramento per il prossimo anno: proiezione delle partite su pregiate giacche di Armani. Qui vediamo Emporio, fratello del celebre stilista, che collabora alle prove tecniche di questo rivoluzionario sistema di trasmissione definito "Toma in camicia"

 

 

 

a sinistra: altro possibile miglioramento potrebbe essere la stampigliatura delle coordinate sui bordi della scacchiera che eviterebbe a qualche giocatore lo sforzo di contare le caselle con la biro prima di segnare correttamente la mossa fatta sul formulario :-) (vero! l'ho visto con i miei occhi)

a destra: a parte gli scherzi il materiale del torneo risulta essere ottimale dalla prima all'ultima scac-chiera (non per niente è presente al torneo Claudio Pantaleoni co-titolare del negozio "Le due Torri" di Bologna uno dei massimi fornitori di materiale scacchistico al mondo). Nella foto "il più giovane" del torneo, il simpatico 86enne milanese Alfio Maspero i cui racconti tengono banco in spiaggia.

 

Tipi da spiaggia ed avvenimenti vari :

 

a sinistra: Tre uomini in barca

a destra: Un uomo in canoa

 

 

Residence Porto Mannu - Corso di Sub

 

 

Dovesse andare male a tavolino ci si può sempre consolare a tavola!

 

 

a sinistra: Luciano Casartelli, Manfredi De Polzer ed Euro "forbidden-socks" Gulinelli.

a destra: l'evento di mercoledì 23 maggio (oltre al mortifero doppio-turno) è sicuramente "La rivincita di Istanbul". Alla visione della finale di Coppa dei Campioni di Atene tra Milan e Liverpool al bar del Residence è presente una "fauna" eterogenea: si va dall'ultras milanista al gufo interista comprendendo anche sinceri tifosi del Liverpool. Il Milan riuscirà in un impresa da guinness dei primati: vincere la Champions giocando senza portiere! Da ricordare le espressioni di meraviglia del pubblico allorchè Nelson (Dida) ha effettuato persino un paio di buone parate! Ancora più clamoroso comunque il fatto che Zio Silvio pare abbia dichiarato di non aver fornito alcun aiuto (schemi, tattiche,consigli, videocassette delle partite della Edilnord ecc.) ad Ancelotti!

 

La Fossa dei Leoni si è trasferita a Porto Mannu

Nota a margine dell'evento per gli organizzatori: occorrerebbe cercare di fare in modo che le date della seconda edizione del torneo includano mercoledì 21 maggio 2008 giorno in cui a Mosca Milan ed Inter si contenderanno la prossima Coppa dei Campioni (mani in alto, please!).

 

 

a sinistra: foto di gruppo (incompleta) dei giocatori emiliano-romagoli. Mai fare la foto di gruppo l'ultimo giorno, mancherà sempre qualcuno!

 

a destra: I Big Cocchi e Pantaleoni

 

 

Orsi ed altri tafoni:

Come dite? Cosa sono i tafoni? Vabbeh, continuamo così, facciamoci del male. Il tafone non è altro che una roccia di granito modificata da un lunghissimo processo di erosione che scava al suo interno fino a creare delle grandi camere e facendole assumere aspetti spesso bizzarri. Questa sì che è cultura, sembro quasi una guida vivente (ad esempio "Costa Smeralda e Gallura" di Ilaria Simeone - Ed. De Agostini). Seguono alcune immagini di tafoni

 

 

a sinistra: La roccia dell'orso vista dal lato del mare: pare proprio un animale in carne e ossa

a destra: Turisti sul dorso dell'orso

 

 

a sinistra: l'Orso visto in primo piano

a destra: e visto a distanza

 

a sinistra: tafone-stivale

a destra: tafone-pugno

 

a sinistra: tafone-testa di Dinosauro

a destra: tafone-testa della Strega (ma non assomiglia a un "gurbos"? Qualcuno ha letto l'Eternauta?)

 

Premiazioni:

 

a sinistra: Fabio De Simone Sorrentino 4° della fascia fino a 1499

a destra: Tatiana Milu 3° della fascia fino a 1499

 

a sinistra: Luca Marani 1° della fascia 1500-1799 con una tranche FIDE 3,5/7 (media avv. 1969)

a destra: Il podio del torneo con GM Mihail Marin (ROM) terzo, IM Hedinn Steingrimsson (ISL) primo e IM Fabiano Caruana (ITA) secondo

Escursioni e gite :

Avvertiamo i lettori che i fotoreport seguenti contengono immagini che possono indurre dipendenza

(cioè dopo averli visti potreste precipitarvi a prenotare un viaggio a Porto Mannu :-)

 

Giuseppe non è in casa ovvero "Sergio alla conquista della Svizzera"

 

A zonzo per l'Arcipelago ovvero "The chess widows tour"

 

 

Concludendo penso che interesserà a tutti sapere come è andato il mio torneo (ehhh! come no!). Devo confessare che è stato un pò al di sotto delle aspettative. Eppure m'ero allenato a fondo. Appena iscritto al torneo mi sono fiondato all' Iper ed ho comprato...una cassa di Vermentino :-) D'altronde se per la FIDE ho perso punti (neanche tanti) per il CSI (Circolo Scacchistico Itinerante) il cui motto è "Forti (ma non troppo) a tavolino, fortissimi a tavola" ne ho guadagnati tantissimi.

Aiò! Versace n'altro mirto.