Memorial Mauro Reggiani e Tullio Trincardi

Simultanea di Zoltan Almasi

 

6 gennaio 2008 - Hotel Mercure-Astoria di Reggio Emilia. Terminata la 50a edizione del Torneo di Capodanno la sala di gioco viene riarredata con un tavolo unico disposto a ferro di cavallo e trenta scacchiere per altrettanti appassionati che sfidano il neo-vincitore, il GM ungherese Zoltan Almasi in una simultanea dedicata alla memoria di due storici personaggi dello scacchismo reggiano: Mauro Reggiani e Tullio Trincardi.

Dal depliant di presentazione della simultanea un breve profilo dei due giocatori reggiani:

Il Maestro Tullio Trincardi è stato dagli anni 50 in poi uno dei giocatori più forti di Reggio Emilia. Durante la sua carriera scacchistica ha giocato molto spesso a Reggio Emilia, in particolare ha partecipato ad alcuni tornei di Capodanno ed a tornei locali, divenendo diverse volte campione provinciale. Nel 1956 al festival internazionale di Gardone nel torneo dei giovani lo troviamo ad un onorevole 3° posto dietro 2 forti jugoslavi. Nel 1961 partecipò al terzo torneo di Capodanno, non nel torneo principale, ma nel torneo sussidiario vinto da Millin dove ottiene un buon 2° posto. Partecipò poi al Torneo principale di San Benedetto del Tronto nel 1963: su 10 forti giocatori Trincardi, che in quella occasione ottenne la promozione a Candidato Maestro, si piazzò al 5° posto. Successivamente nel 1964 fece parte della squadra di Reggio Emilia nell'incontro con il "Mladost" di Zagabria e giocando in seconda scacchiera, compì la clamorosa impresa di vincere contro il Grande Maestro Damjanovic. Giocò poi nel torneo di Capodanno del 1963-64 ottenendo un ottimo risultato: 7° con 5,5 punti su 11, ottenendo il titolo di Maestro. Due anni dopo un altro ottimo risultato al torneo di Capodanno del 1965-66 vinto da Bruno Parma: Trincardi con 6 punti, si classificò al 6° posto davanti a Wagman, Canal e Paoli. Prese poi ancora parte ai tornei di Capodanno negli anni 1967/68, 1968/69, 1971/72 e 1974/75 con risultati onorevoli. Nel 1967 prese parte alla semifinale del Campionato Italiano che si svolse a Savona, vincendo brillantemente. Durante il mese di agosto del 1974 una squadra in rappresentanza della provincia cecoslovacca di Olomouc fu ospite a Reggio Emilia per un incontro a squadre. Vinsero i cecoslovacchi e l'unica vittoria italiana fu quella di Trincardi contro Kriz. Nel 1975 al Ciocco di Castelvecchio Pascoli l'Accademia Reggiana Scacchi vinse il 15° Campionato Italiano a squadre, fondamentale fu il contributo di Trincardi. Dopo il 1975 e fino a metà degli anni 90 continuò a giocare a scacchi, ma prendendo parte quasi esclusivamente a Tornei organizzati localmente, sempre con ottimi risultati. Ci ha lasciato il 31 maggio 2005.

Il Maestro Mauro Reggiani è stato per molti anni uno dei protagonisti dello scacchismo reggiano. Si appassionò al gioco quando era ancora studente liceale ed iniziò a frequentare il circolo scacchistico di Reggio Emilia alla fine degli anni sessanta. Nel 1972 prese parte per la prima volta ad un torneo nazionale, a La Spezia, vincendolo imbattuto e conseguendo la promozione a 2a Nazionale. L'anno successivo partecipò al torneo di Ceriale (SV) realizzando un buon risultato, alla pari con Maestri italiani, e ottenendo la promozione a 1a Nazionale. Nel 1978 partecipò al 3° Cavallo d'Argento, campionato provinciale, arrivando 4°. Nel 1981 vinse il 4° Festival di Bologna nel torneo di 1a Nazionale, conseguendo la promozione a Candidato Maestro. Partecipò alla 24a Edizione del Torneo di Capodanno di Reggio Emilia 1981/82, dove sconfisse uno dei favoriti alla vittoria, Janos Rigo. Negli anni seguenti si limitò a tornei locali fino al 1990 quando partecipò al torneo Magistrale di Madonna di Campiglio, dove si classificò 6°. In squadra con Tullio Trincardi vinse nel giugno 1991 il Campionato Regionale, insieme a Werter Cugini. Sempre nel 1991 giocò i tre tornei per conseguire le norme di Maestro: al torneo di Sestola dove risultò primo degli italiani, quindi Varallo Sesia e poi Marostica dove, conseguendo la terza norma, ottenne il titolo di Maestro. Vinse per tre volte il Campionato Provinciale "Cavallo d'Argento" negli anni 1985, 1990 e 1992. Tutta la sua vita è stata all'insegna del gioco degli scacchi che da passione divenne professione quando aprì la sua libreria "Re di Picche" a Reggio Emilia. Collaborò anche per molti anni con la libreria "Le Due Torri" di Bologna. Negli anni seguenti la sua attività si limitò a tornei locali fino a che la malattia glielo permise. Ci ha lasciati il 26 maggio 2007.

Tra i 30 simultaneisti Marianna Chierici, Giulio Lombardini e Massimo Nunnari....
Andrea Mancini, Mattia Sfera e Milo Cuccolini...
...nonchè Catelli, Bonavita e...

....Marin, Ni Hua, Gashimov, Cebalo ed Harikrishna??? Che ci fanno 5 GM tra i simultaneisti?

E' lo scherzone ideato dai colleghi GM per Zoltan Almasi che all'ingresso in sala rimane un attimo interdetto poi si riprende immediatamente e dichiara: "E adesso via tutti gli altri, gioco contro questi 5 "ragazzi"
Alla fine i 5 GM "burloni" lasciano il posto ai "giocatori veri" e si parte: Almasi parte da sinistra affrontando gli avversari disposti in ordine decrescente di rating (qui vediamo il top-scorer dei 30, il CM Fabrizio Frigieri)
Almasi contro Bonavita
Una fase della simultanea
Stefano Vezzani Massimo Nunnari
Aurelio Schiatti
Una fase della simultanea
Bonavita
Enrico Grossi
Bardulla Bil Bil
Max Molittola
Marianna Chierici Andrea Mancini
Paolo Salati
Alla fine Almasi conclude in poco meno di 4 ore totalizzando sulle 30 scacchiere 26 vittorie e concedendo 4 sole patte
Il primo a chiudere sulla patta è Frigieri (ecco qui la partita)
A seguire chiudono imbattuti Giulio Lombardini...
...Mattia Sfera (ecco qui la partita)
...Giuseppe Zuccheri (ecco qui la partita con le note dello stesso Zuccheri)
 
Ed infine spazio ai cacciatori di autografi